Diaporama - Farina di Kamut. 5 Stagioni.

Kamut è un marchio registrato, di proprietà dell'azienda americana Kamut,[1] fondata nel Montana da Bob Quinn, dottore in patologia vegetale e agricoltore biologico. Il nome designa, da un punto di vista commerciale, la cultivar di grano della sottospecie Triticum turgidum ssp. turanicum[2] denominata Khorasan,[3] dal nome della regione iraniana Khorasan.

La produzione e la vendita di tale cultivar col nome commerciale di Kamut è strettamente regolamentata e deve essere certificata e rispettare una serie di norme stabilite dall'azienda statunitense.

Il grano prodotto dalla cultivar è stato registrato nel 1990 all'USDA (Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti) col nome ufficiale di QK-77,[4] veniva inizialmente venduto nelle fiere agricole del Montana col nome di "grano del faraone Tut". La protezione è successivamente scaduta.[3] La parola Kamut deriva dal relativo ideogramma geroglifico e significa "grano".

La cultivar Khorasan può essere coltivata liberamente da chiunque e dovunque, ma solo il consorzio di agricoltori che fa capo all'azienda americana proprietaria del marchio registrato Kamut può legalmente apporre la denominazione Kamut sul suo raccolto. Secondo l'azienda, la presenza di questo marchio garantisce determinati standard qualitativi e l'assenza di ibridazioni; il grano Khorasan per avere il marchio Kamut deve essere coltivato secondo uno specifico metodo biologico esclusivamente nelle grandi pianure semi aride del Montana, dell'Alberta e del Saskatchewan.